Parrocchia San Giorgio Martire - Porcia
Diocesi Concordia - Pordenone

HOME NOTIZIARIO S. MESSE PELLEGRINAGGI STORIA PATRONO ATTIVITÀ STRUMENTI ARCHIVIO

new



Attività

Annuncio Celebrazioni 2022

Pellegrinaggi, Gite
Catechismo 2022/23 new
Corso per fidanzati
2023 new
Sagra dell'Assunta 2022
Grest 2022
Dopo La Campanella 2022/2023 new


Gruppi - Associazioni

ACI - Azione Cattolica
A.G.E.S.C.I. - Scout
CL - Comunione Liberazione
Associazione Giovanni Paolo II
Scuola Materna Monumento ai Caduti
Gruppo di Preghiera S. Pio di Pietrelcina
Gruppo Storico Carlo V
Comunità Neocatecumenale
Arcobaleno
Società San Vincenzo De Paoli
Coro parrocchiale San Giorgio


Tradizioni
Tradizioni religiose
... in cucina!


Rassegna Stampa

Il parere cattolico sugli avvenimenti.
By C.L.




ARCHIVIO


45a ADUNATA SEZIONALE PORCIA PALSE RORAIPICCOLO

90° ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE GRUPPO ALPINI DI PORCIA

16/17/18 SETTEMBRE 2022

Domenica 18 settembre, in occasione 45° Adunata sezionale degli alpini, dopo la S. Messa delle ore 11.00 presso il Monumento ai Caduti, abbiamo organizzato il pranzo degli alpini presso l’area dei festeggiamenti del Centro Pastorale Giovanni Paolo II. Il servizio è stato svolto dai nostri volontari che hanno prestato servizio alla Sagra dell’Assunta in agosto.

In memoria di mons. Sergio Moretto

Dico subito che non riuscirò ad essere neutrale perché don Sergio è stato il mio parroco.
È arrivato a Porcia quando avevo dieci anni, dopo essere stato parroco a Marsure, Assistente Azione di Cattolica diocesana, direttore della Casa Madonna Pellegrina. Mi sono accostato a lui facendo quanto serviva per la Comunità e, questo tempo, mi ha permesso di capire molte sue scelte e scrutare, con lo sguardo del cuore, le ragioni di ogni suo gesto. La sua testimonianza di uomo e di prete ha alimentato in me il sogno che Dio mi aveva riservato: diventare sacerdote.
La sua canonica era la nostra casa: sempre aperta, accogliente, gioiosa. La zia di don Sergio poi, non faceva mancare dolci per quanti andavano in canonica a lavorare con lui. E quanta gente è passata! Quanta gente ha saputo coinvolgere, tanto da creare quel gruppo di volontari ancora oggi lo zoccolo duro del volontariato di Porcia.

Come dice spesso papa Francesco, don Sergio è stato un "pastore con l'odore delle pecore". Con i suoi vestiti lucidi e le scarpe logore, correva ovunque. Aveva la passione e la gioia di sentirsi "padre" di una Comunità. Non si è mai risparmiato pur di raggiungere gli altri: sempre pronto ad andare a trovare anziani o malati in ospedale, e per loro dedicare settimane residenziali nella casa Alpina di Barcis. Ricordo ancora oggi la sua folle corsa di tre giorni in auto Porcia-Lourdes pur di stare accanto a una ragazza disabile nel giorno della sua prima Comunione nel luogo delle apparizioni!

Per i ragazzi e i giovani avviò l'Azione Cattolica e rifondò lo scoutismo, dopo aver partecipato al cammino formativo per Capi, pur di capire dall'interno l'autentica dimensione ecclesiale dello scoutismo stesso. In tempi in qui ancora non si era soliti dotarsi di una casa in montagna, don Sergio osò proporre l'acquisto di un vecchio rudere a Barcis, per trasformarlo nell'attuale Casa Alpina parrocchiale, offrendo così ai giovani e alle famiglie un punto di ritrovo vicino casa, per organizzare campi scuola o feste di Comunità. Una delle sue priorità fu l'oratorio che in parrocchia era ormai fuori norma e non funzionale. Decise così di investire l'eredità ricevuta dai suoi per acquistare il terreno accanto alla chiesa, dove poi verrà realizzato il nuovo oratorio, circondato, per suo desiderio e intuizione, da una cinta muraria, coerente con il contesto storico-urbanistico della città, realizzato da un gruppo di volontari.

Raccolse da don Felice Bozzet l'impegno del Cammino Neocatecumenale, che seguì con responsabilità e passione, sapendo coinvolgere i suoi membri all'interno della vita comunitaria.
Tutti lo ricordano per la sua passione nei restauri, tanto da essere soprannominato "don muretto", ma ciò che muoveva don Sergio in quelle scelte, era garantire alla Comunità strutture sicure, ordinate e a norma. Senza strutture, diceva, non hai luoghi per ritrovarti: ma se le strutture non sono in sicurezza, sei un incosciente. E lui si è ritrovato nel tempo del post terremoto del Friuli, con tutte le strutture alle quali metter mano. Accanto a sicurezza e funzionalità, per la chiesa lui desiderava anche la "bellezza", convinto quanto mai che questa doveva riflettere e nello stesso tempo portare alla Bellezza di Dio. Da qui nasceva anche la cura della liturgia. Ci teneva che le celebrazioni che fossero belle e curate.

Ogni lavoro che realizzava aveva come seguito un libro, perché era convinto dell'importanza di lasciare traccia ai posteri: non erano solo libri di storia, ma desiderava comunicare quanto era importante passare dalle pietre alla preghiera. Anche i suoi innumerevoli viaggi erano sempre accompagnati dallo studio dei luoghi e da un minimo di conoscenza della lingua. Era bravo in inglese, perché trascorse un anno a Londra col progetto di partire poi per la nuova missione diocesana in Kenya ma, a causa di problemi familiari, dovette interrompere. Ma come era solito affermare, voleva dire che Dio aveva per lui un altro disegno.

In 40 anni di servizio pastorale come parroco don Sergio ha visto quattro "suoi" giovani diventare sacerdoti (a Porcia don Fabrizio De Toni, io e don Filippo Perin, salesiano; a Cesarolo don Andrea Ormenese) e altri 42 giovani neocatecumenali, in qualità di animatore spirituale, diventare sacerdoti legati al movimento.
Oggi si parla del progetto "Dopo di noi" per garantire alle famiglie con figli portatori d'handicap una sicurezza per i loro figli, una volta usciti da Centri specializzati o per quando i genitori moriranno. Don Sergio, con alcune famiglie di Porcia, fu tra i promotori del Centro II Giglio, cooperativa a servizio di questi giovani per dare serenità alle loro famiglie. Con questo stesso spirito, valorizzò il carisma delle suore del beato Caburlotto, e partecipò alla fondazione dell'Associazione Arcobaleno e della relativa Casa famiglia, affinché i bambini con qualche difficoltà, non venissero allontanati dal territorio.

Trasferito a Bibione, presso il Centro Pastorale Diocesano Santo Stefano, col suo sorriso e la sua amabilità, divenne un punto di riferimento per i tanti turisti che frequentavano l'Albergo e partecipavano alle sante Messe, qui, come presso il Centro Pasotto a Lido dei Pini. Ad un certo punto il Vescovo gli chiese di assumere anche l'incarico di parroco di Cesarolo, e così si ritrovò nuovamente immerso nell'avviare tutti i lavori di ristrutturazione degli edifici: chiesa, oratorio, cappelle... sempre senza mancare di affiancarsi a malati e anziani, ragazzi e giovani. Tra le tante cose, ricordo l'intuizione e la realizzazione dell'Isola della Madonna del Mare, a Terzo Bacino: seppe coinvolgere Istituzioni e volontari per offrire un luogo di "ristoro spirituale" nel cuore della laguna, istituendo anche la festa annuale a fine estate.

L'ultimo periodo e servizio della sua vita è stato presso il santuario di Marsure, realtà che gli resterà nel cuore fino all'ultimo, tanto da desiderare e scegliere questo luogo per il suo funerale. Anche in questo contesto ha saputo farsi amare per il suo modo accogliente e gentile, la sua parola illuminante e comprensiva, il suo predicare chiaro e positivo. Molti lo ricordano come un confessore attento e libero, accogliente e misericordioso: mai una parola giudicante, mai uno sguardo umiliante, consapevole di essere un semplice strumento nelle mani di Dio. E così sarà con le monache benedettine di Poffabro: nel cimitero di questo paese ha scelto di essere sepolto per stare tra la sua gente e accanto alle "sue" monache. L'attenzione e la valorizzazione della vita religiosa sarà un suo tratto caratteristico in ogni parrocchia e realtà dove lui è stato. Ha fatto tanto nella sua vita, sempre con gioia e passione. Soprattutto ha mostrato una vita donata a Cristo e ai fratelli, senza mai risparmiarsi pur di arrivare a tutti. Lo ricordo nelle sue ore di preghiera, tempo prezioso e riservato, che sempre si ritagliava e dalla quale, mi diceva, trovava forza ragione e gioia per fare tutto. Il sabato lo trovavi sempre in chiesa: pregava, passeggiava, leggeva.

Affrontò le cure che la sua ultima malattia richiedeva con serenità e, saputo di non poter far altro, accettò la proposta di seguire una cura sperimentale. Disse ai medici: "Ho donato tutta la mia vita a Dio. Se la medicina mi chiede oggi questo, offro questi ultimi mesi per sperimentare un farmaco che forse potrà essere utile a chi verrà". Una settimana fa, saputo che non si poteva più proseguire, salutati i suoi cari più prossimi, con una telefonata o lasciando un breve scritto, si è affidato al buon Dio. Una testimonianza per la quale medici e infermieri della via di Natale sono rimasti toccati ed edificati.
Aveva anche i suoi difetti. Brontolava, si lamentava delle scelte nei suoi riguardi (e più di qualche volta aveva ragione!)... ma questo lo rendeva umano!

Se oggi sono sacerdote lo devo certamente al buon Dio che mi ha scelto e chiamato, ma lo devo anche a chi mi ha mostrato con la vita che essere sacerdote è bello e realizzante. Don Sergio è stato tutto questo: un innamorato di Dio. Un prete felice fino all'ultimo. Fino a pochi minuti prima della morte, attorno al suo letto, "casualmente", eravamo tre dei quattro "suoi" sacerdoti: abbiamo pregato e gli abbiamo dato insieme la benedizione del Signore. Un ultimo dono a lui, un ultimo dono a noi.
don Andrea Vena

Mons. Sergio Moretto
14.III.1937-26.VIII.2022

Scarica

* * * * *

Scarica

Il Papa consacra Russia e Ucraina al Cuore immacolato di Maria

Venerdì 25 marzo 2022, durante la celebrazione della Penitenza che presiede alle 17 nella basilica di San Pietro, papa Francesco consacra all’Immacolato Cuore di Maria la Russia e l’Ucraina. Lo stesso atto, in questo stesso giorno, è compiuto a Fatima dal cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere pontificio, come inviato dal Santo Padre. Non è casuale naturalmente la scelta della data per la consacrazione: il 25 marzo infatti la festa dell’Annunciazione del Signore.
La richiesta della consacrazione della Russia al Cuore immacolato di Maria arriva proprio da Fatima, dove fu la Madonna in persona ad avanzarla durante l’apparizione del 13 luglio 1917, e per tutti questi anni è rimasto aperto l’interrogativo se la Vergine fosse stata esaudita o meno. Eppure le parole consegnate dalla Madre di Dio ai tre pastorelli portoghesi annunciavano chiaramente che, qualora la richiesta non fosse stata accolta con precisione, la Russia avrebbe diffuso «i suoi errori per il mondo, promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte».
La consacrazione della Russia al Cuore immacolato di Maria avrebbe dovuto essere pronunciata dal Santo Padre «in unione con tutti i vescovi di mondo» e «promettendo di salvarla con questo mezzo». Negli anni successivi all’apparizione del 1917, tre diversi papi – Pio XII nel 1942 e 1952, Paolo VI nel 1964 e Giovanni Paolo II nel 1981 e il 25 marzo 1984.
Papa Francesco dunque, con la decisione annunciata oggi, vuole ribadire il suo «giudizio perfettamente aderente alla situazione» sulla guerra tra Russia e Ucraina, espresso prima con la richiesta di preghiera e digiuno per la pace, poi con l’appello, domenica scorsa durante l’Angelus in piazza San Pietro, a «fermare il massacro».


Scarica
Gesù spiegato a mio figlio
Scarica
Il Miracolo di San Giuseppe
Scarica
Beato ODORICO DA PORDENONE, Sacerdote - 14 gennaio
Scarica
NATALE 2020 - Il presepe visto dai papi.
Davanti a quelle statuine ritorniamo tutti bambini, ed è da credere che anche i pontefici, dai più austeri ai più giocosi, sperimentino questa felice regressione all'infanzia, pur senza dimenticare di sottolineare il valore teologico di quella rappresentazione che si replica uguale e diversa dai primi secoli della cristianità.
Scarica
NUOVA EDIZIONE DEL MESSALE - Domenica 29 novembre 2020
Con la consegna del testo del nuovo Messale sull'altare delle chiese d'Italia, le "nuove parole" della Messa entrano nel quotidiano della vita liturgica. Il libro liturgico diventerà obbligatorio a partire dalla prossima Pasqua (4 aprile 2021) quando verrà abbandonata la precedente edizione che ha scandito la liturgia per quasi quarant'anni.
Scarica
DOMENICA 22 novembre 2020 - GIORNATA DEL SEMINARIO
Quest'anno coincide anche con il centesimo anno scolastico dell'istituto Seminario in Via Revedole a Pordenone, aprì i battenti il 15 novembre 1920.
Nel corso di questi cento anni la comunità del Seminario ha condiviso i dolori, le gioie e le speranze che sono state del Paese e della Chiesa: il secondo conflitto mondiale, la rinascita del dopoguerra, la primavera del Concilio, la diminuzione delle vocazioni, un nuovo modo di fare formazione e di essere comunità cristiana.
Scarica
DOMENICA 18 ottobre 2020 - 94° GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE
In Diocesi di celebra il 50° anniversario della presenza missionaria in Kenya.
Nomi e volti, tappe e traguardi di don Giacomo Santarossa.
Oggi parroco di Vigonovo.
Scarica
ANNO PASTORALE DIOCESANO 2020-2021 - Spiegazione artistico-spirituale dell'icona consegnata dal Vescovo Giuseppe Pellegrini alla nostra Forania ALTO LIVENZA, in occasione dell'apertura dell'Anno Pastorale Diocesano, domenica 13 presso la Chiesa parrocchiale del SS. Redentore di Fontanafredda.
Scarica
DIOCESI IN FESTA - Presso il Seminario vescovile di Pordenone il Vescovo Giuseppe ordina sei nuovi diaconi per la nostra chiesa.
6 settembre 2020.
Scarica
S. GIORGIO MARTIRE 2020 - Videomessaggio del parroco Don Daniele del 28 aprile 2020.
Guarda
Videomessaggio del parroco Don Daniele Fort del 23 aprile 2020, S. Giorgio martire patrono della nostra parrocchia.
Guarda
PASQUA 2020 - Santa Messa di Pasqua al tempo del coronavirus, senza il popolo per il popolo, con le persone più rappresentative della nostra comuntà.
Guarda
PASQUA 2020 - Messaggio del parroco Don Daniele Fort alla parrocchia al tempo del coronavirus.
Guarda
Messaggio del Santo Padre Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale 2019.
Scarica
Nella riapertura dell'anno scolastico 2019/20, ecco una riflessione sui nostri sistemi e valori educativi...
Scarica
Come si diventa Cristiani di Luigi Giussani
Scarica
L'inefabile luce di Dio. Di Ermes Ronchi
Scarica
Prima Giornata dei Poveri
Scarica
Decennale 2007-2017 Oratorio "Giovanni Paolo II"
Scarica
Come è sorta la tradizione del mese di maggio
Scarica
Le nove prediche di don Nicola Ruisi per la Novena dell'Assunta 2016
Scarica
Quando la forza non basta: doping e olimpiade
Scarica
Come ha inventato san Francesco il presepe
Scarica

new


Cerca con



Cerca nella BIBBIA
Per citazione
es. Mt 28,1-20):
Per parola:








 Don Daniele Fort
 parroco@sangiorgio-porcia.it
HOME PAGE
1024X768
Enrico Rosset - Guido Fradeloni 
webmaster@sangiorgio-porcia.it