Parrocchia San Giorgio Martire - Porcia
Diocesi Concordia - Pordenone

HOME PAGE NOTIZIARIO S. MESSE PELLEGRINAGGI STORIA PATRONO ATTIVITÀ STRUMENTI ARCHIVIO
CASA ALPINA
Santa Maria Barcis

Stagione 2018
new


DOPO LA
CAMPANELLA
Anno 2017 / 2018 new

CAMMINO DI FEDE
PER FIDANZATI


La Parrocchia
Il Parroco
La Parrocchia
Le Chiese

Notiziario
"Vi Sia Noto"

Ultimo numero
Numeri arretrati


Attività

Annuncio Celebrazioni 2017
Pellegrinaggi, Gite
Catechismo 2017/18new
Corsi per fidanzati
2017/18
new
Sagra dell'Assunta 2017
Grest 2017
Dopo La Campanella
2017/18
new


Gruppi - Associazioni

ACI - Azione Cattolica
A.G.E.S.C.I. - Scout
CL - Comunione Liberazione
Associazione Giovanni Paolo II
Scuola Materna Monumento ai caduti
Gruppo di Preghiera S. Pio di Pietralcina
Gruppo Storico Carlo V
Comunita Neocatecumenale
Arcobaleno
Polisportiva San Giorgio
Società San Vincenzo De Paoli
Coro parrocchiale San Giorgio


Tradizioni
Tradizioni religiose
... in cucina!


Rassegna Stampa

Il parere cattolico sugli avvenimenti.
By C.L.



sabato 18 novembre 2017 Buona Sera! Sei il 130609° visitatore


DOMENICA 19 NOVEMBRE 2017

GIORNATA MONDIALE PER I POVERI

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario

I talenti da mettere in gioco

La parabola dei talenti parla della venuta di Gesù per il giudizio universale. Quando ritornerà, egli esigerà di sapere da noi come abbiamo usato il nostro tempo, cosa abbiamo fatto della nostra vita e dei talenti che abbiamo ricevuto, cioè delle nostre capacità. Il premio per il buon uso sarà la partecipazione alla gioia del Signore, cioè al banchetto eterno. La parabola racchiude un insegnamento fondamentale: Dio non misurerà né conterà i nostri acquisti, le nostre realizzazioni. Non ci chiederà se abbiamo compiuto delle prodezze ammirate dal mondo, perché ciò non dipende da noi, ma è in parte condizionato dai talenti che abbiamo ricevuto. Vengono tenute in conto soltanto la fedeltà, l’assiduità e la carità con le quali noi avremo fatto fronte ai nostri doveri, anche se i più umili e i più ordinari. Il terzo servitore, “malvagio e infingardo” ha una falsa immagine del padrone (di Dio). Il peggio è che non lo ama. La paura nei confronti del padrone l’ha paralizzato ed ha agito in modo maldestro, senza assumersi nessun rischio. Così ha sotterrato il suo talento. Dio si aspetta da noi una risposta gioiosa, un impegno che proviene dall’amore e dalla nostra prontezza ad assumere rischi e ad affrontare difficoltà. I talenti possono significare le capacità naturali, i doni e i carismi ricevuti dallo Spirito Santo, ma anche il Vangelo, la rivelazione, e la salvezza che Cristo ha trasmesso alla Chiesa. Tutti i credenti hanno il dovere di ritrasmettere questi doni, a parole e a fatti.

O Padre, che affidi alle mani dell’uomo tutti i beni della creazione e della grazia, fa’ che la nostra buona volontà moltiplichi i frutti della tua provvidenza; rendici sempre operosi e vigilanti in attesa del tuo giorno, nella speranza di sentirci chiamare servi buoni e fedeli, e così entrare nella gioia del tuo regno.



NASCE IL CENTRO FAMIGLIE A PORCIA

Uno spazio creato per accogliere i bambini insieme agli adulti che si occupano di loro

Il centro per le famiglie fa da contenitore al progetto Noi al Centro, nato dall’esigenza sempre più attuale di dare un luogo a tutte le figure che ruotano attorno alla crescita dei bambini. Lo spazio messo a disposizione, da modo di sperimentare la socializzazione tra bambini ma anche tra genitori creando così una rete comunicativa efficace. All’interno del progetto verranno poi attivati corsi e incontri di approfondimento partendo dalle esigenze e degli interessi delle famiglie.

Per info 0434-921318 - 335-6167600 - info@associzionegiovannipaolo2.net


AVVISO PER I BAMBINI

A cura degli educatori dell’AC ogni sabato durante la Messa prefestiva del sabato ore 18.00 ci sarà un momento di riflessione per i bambini più piccoli (durante l’omelia in uno spazio preparato per loro). Vi aspettiamo presso l’altare della Madonna.


I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI
Domenica XXXIII del Tempo Ordinario 19 novembre 2017

Non amiamo a parole ma con i fatti

7. Desidero che le comunità cristiane, nella settimana precedente la Giornata Mondiale dei Poveri, che quest’anno sarà il 19 novembre, XXXIII domenica del Tempo Ordinario, si impegnino a creare tanti momenti di incontro e di amicizia, di solidarietà e di aiuto concreto. Potranno poi invitare i poveri e i volontari a partecipare insieme all’Eucaristia di questa domenica, in modo tale che risulti ancora più autentica la celebrazione della Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo, la domenica successiva. La regalità di Cristo, infatti, emerge in tutto il suo significato proprio sul Golgota, quando l’Innocente inchiodato sulla croce, povero, nudo e privo di tutto, incarna e rivela la pienezza dell’amore di Dio. Il suo abbandonarsi completamente al Padre, mentre esprime la sua povertà totale, rende evidente la potenza di questo Amore, che lo risuscita a vita nuova nel giorno di Pasqua. In questa domenica, se nel nostro quartiere vivono dei poveri che cercano protezione e aiuto, avviciniamoci a loro: sarà un momento propizio per incontrare il Dio che cerchiamo. Secondo l’insegnamento delle Scritture (cfr Gen 18,3-5; Eb 13,2), accogliamoli come ospiti privilegiati alla nostra mensa; potranno essere dei maestri che ci aiutano a vivere la fede in maniera più coerente. Con la loro fiducia e disponibilità ad accettare aiuto, ci mostrano in modo sobrio, e spesso gioioso, quanto sia decisivo vivere dell’essenziale e abbandonarci alla provvidenza del Padre.

8. A fondamento delle tante iniziative concrete che si potranno realizzare in questa Giornata ci sia sempre la preghiera. Non dimentichiamo che il Padre nostro è la preghiera dei poveri. La richiesta del pane, infatti, esprime l’affidamento a Dio per i bisogni primari della nostra vita. Quanto Gesù ci ha insegnato con questa preghiera esprime e raccoglie il grido di chi soffre per la precarietà dell’esistenza e per la mancanza del necessario. Ai discepoli che chiedevano a Gesù di insegnare loro a pregare, Egli ha risposto con le parole dei poveri che si rivolgono all’unico Padre in cui tutti si riconoscono come fratelli. Il Padre nostro è una preghiera che si esprime al plurale: il pane che si chiede è “nostro”, e ciò comporta condivisione, partecipazione e responsabilità comune. In questa preghiera tutti riconosciamo l’esigenza di superare ogni forma di egoismo per accedere alla gioia dell’accoglienza reciproca.

9. Chiedo ai confratelli vescovi, ai sacerdoti, ai diaconi – che per vocazione hanno la missione del sostegno ai poveri –, alle persone consacrate, alle associazioni, ai movimenti e al vasto mondo del volontariato di impegnarsi perché con questa Giornata Mondiale dei Poveri si instauri una tradizione che sia contributo concreto all’evangelizzazione nel mondo contemporaneo.


AZIONE CATTOLICA PARROCCHIALE

Martedì 21 novembre alle ore 20.45 si ritrova il Gruppo interparrocchiale dei Giovani Adulti di AC. IL gruppo si riunisce mensilmente per approfondire e riflettere a partire dai brani del Vangelo di Marco. Il gruppo è aperto a tutti i giovani lavoratori dell’Unità Pastorale. Questo primo incontro si terrà presso l’oratorio di Rorai piccolo.

Mercoledì prossimo alle ore 20.30 in sede si terrà l’incontro di formazione degli adulti di AC.


VISITA CULTURALE AL MONASTERO ARMENO
nell’isola di San Lazzaro – Venezia
SABATO 2 DICEMBRE 2017

Programma

  • Partenza dalla Stazione di PN alle ore 07:40 con arrivo previsto a Venezia SL ore 09:00
  • Arrivo in Vaporetto all’Isola di San Lazzaro e visita alle ore 10.45
  • Pranzo alle ore 14.00 presso il Ristorante TRATTORIA ALLA MARCIANA a base di pesce (o carne)
  • Alle ore 16.00 Don Antonio Meneguolo ci aspetterà presso la sede del Patriarcato farci da guida in una breve visita alla Basilica di San Marco
  • Ritorno libero.

Costo euro 65.00 compreso biglietto FS – Vaporetto – Pranzo e ingressi.


CICLO DI CATECHESI PER ADULTI
animato dal Cammino Neocatecumenale

Con Lunedì 23 ottobre è iniziato un ciclo di Catechesi animato dai Catechisti del Cammino.

Gli incontri si tengono presso la sala riunioni al primo piano del Centro pastorale ogni Lunedì e Giovedì con inizio alle ore 20.30.

Sono invitati giovani e adulti che desiderano fare un percorso di catechesi biblica.



CONFESSIONI

• S. MARIA: il Venerdì dalle ore 8.30 – 9.00
• DUOMO: Sabato dalle ore 17.30 – 18.30
Domenica dalle ore 7.30 fino alle 12.00 e il pomeriggio dalle ore 17.30 alle 18.00,
durante la S. Messa.


SOSTEGNO ECONOMICO ALLA CHIESA CATTOLICA

Firma il 730 e il CUD per devolvere parte delle tasse alla Chiesa cattolica

Il sistema di reperimento dei fondi non è automatico! Richiede la firma, ossia il gesto volontario del contribuente. Coloro che quest’anno sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, devono lo stesso firmare nell’apposito riquadro e inviarla al Ministero. In fondo alla chiesa potete ritirare le buste e anche lasciare il vostro modello CUD firmato (diversamente si può portarlo anche in canonica.

Grazie alla Legge 266/05 possiamo scegliere di destinare una quota pari al 5 per mille della nostra IRPEF a sostegno del volontariato.

Noi vi invitiamo a devolvere questo contributo alle organizzazioni di ispirazione cristiana. Come per esempio nella nostra parrocchia ci sono La Scuola Materna Monumento ai Caduti, L’Associazione Arcobaleno e la Coop. Il Giglio e altre. In modo particolare invitiamo a sostenere le seguenti opere educative che operano nella nostra parrocchia:

ASSOCIAZIONE GIOVANNI PAOLO II
riportando nell’apposito riquadro il codice fiscale
91080740938

perché chi decide di destinare, in fase di dichiarazione dei redditi, il 5 per mille della propria IRPEF a queste organizzazioni di Volontariato deve apporre la propria firma nel primo riquadro contrassegnando con il codice fiscale dell'associazione.


Calendario Parrocchiale

LEGENDA:  Parrochia  Azione Cattolica Azione Cattolica  Associazione Giovanni Paolo II - NOI Ass. Giovanni Paolo II   Altri appuntamenti 


Cerca con



ANNO PASTORALE
2018-2020
Visita Pastorale
www.pastoralepn.org

"Oggi devo fermarmi a casa tua" Lc 19,5

Lettera pastorale
del Vescovo Giuseppe



Cerca nella BIBBIA
Per citazione
es. Mt 28,1-20):
Per parola:











 Don Daniele Fort
 parroco@sangiorgio-porcia.it
HOME PAGE
1024X768
Enrico Rosset - Guido Fradeloni 
webmaster@sangiorgio-porcia.it