Parrocchia San Giorgio Martire - Porcia
Diocesi Concordia - Pordenone

HOME PAGE NOTIZIARIO S. MESSE PELLEGRINAGGI STORIA PATRONO ATTIVITÀ STRUMENTI ARCHIVIO
CASA ALPINA
Santa Maria Barcis

Stagione 2017


CAMMINO DI FEDE
PER FIDANZATI

Primo incontro
Domenica
29 ottobre 2017

new
Calendario degli incontri

La Parrocchia
Il Parroco
La Parrocchia
Le Chiese

Notiziario
"Vi Sia Noto"

Ultimo numero
Numeri arretrati


Attività

Annuncio Celebrazioni 2017
Pellegrinaggi, Gite
new
Catechismo 2017/18new
Corsi per fidanzati
2017/18
new
Sagra dell'Assunta 2017
Grest 2017
Dopo La Campanella
2017/18
new


Gruppi - Associazioni

ACI - Azione Cattolica
A.G.E.S.C.I. - Scout
CL - Comunione Liberazione
Associazione Giovanni Paolo II
Scuola Materna Monumento ai caduti
Gruppo di Preghiera S. Pio di Pietralcina
Gruppo Storico Carlo V
Comunita Neocatecumenale
Arcobaleno
Polisportiva San Giorgio
SocietÓ San Vincenzo De Paoli
Coro parrocchiale San Giorgio


Tradizioni
Tradizioni religiose
... in cucina!


Rassegna Stampa

Il parere cattolico sugli avvenimenti.
By C.L.




LA STORIA


II Cristianesimo giunse nelle nostre zone abbastanza presto. Pare che la via sia stata: da Roma ad Aquileia, a Concordia, a Cordenons, a Torre, a Pieve. Puo' essere stato portato da soldati o da mercanti venuti a conoscenza del nuovo messaggio e da esso conquistati. II centro dell'irradiazione nelle zona fu Pieve. Gli scavi recenti hanno messo in luce la struttura che porta segni affascinanti di antichita': secolo V! La storia del nostro luogo e' indissolubilmente legata alla famiglia dei Conti di Porcia e Brugnera che hanno qui il castello. Nel 1430 la comunita' aveva gia' l'indipendenza di parrocchia dalla Pieve. In quell'anno infatti (5 agosto 1430) il Vescovo di Concordia Enrico di Strassoldo dando al Vicario di Porcia il permesso di benedire la prima pietra dell'erigenda chiesa di S. Maria Maddalena, lo chiama 'Vicario Parrocchiale'. Egli che era un giurista di valore, non avrebbe adoperato la parola parrocchiale se la comunita' non fosse stata costituita legalmente in parrocchia. Cesare de Nores visitatore apostolico giunse a Porcia il 1┬░ ottobre 1584. Trovo' la parrocchia con 'anime da comunione' numero mille. C'erano, a servire pastoralmente la parrocchia, due vicari coadiuvati da ben altri 7 sacerdoti che vivevano con redditi di benefici legati a diversi altari: Altare Maggiore consacrato, sotto il titolo di S. Giorgio, altare del Santissimo Sacramento dotato per testamento dei Sac. Bartolomeo de Bemardis il 6 marzo 1400, l'altare di S. Girolamo di giuspatronato dei Conti di Porcia, di S. Francesco, di S. Lucia, di S. Stefano, di S. Giovanni Battista e due altri minori di S. Giorgio e della Beata Vergine. Porcia aveva un beneficio molto grande. Era stato per cio' diviso in due 'porzioni', di S. Giorgio e S. Maria, delle quali erano investiti due 'Vicari'. Quello di S. Giorgio governava la parrocchia come 'Vicario Parrocchiale'. Alla sua morte di solito gli subentrava quello di S. Maria. I vicari di Porcia dal 1430 al 1774 furono n.26. Dal 1804 la Chiesa divenne Arcipretale e fino all'anno 2000 vi hanno prestato servizio 10 arcipreti; l'attuale e' don Daniele Fort in servizio dal 4 ottobre 1998.

Duomo

Artisticamente il Duomo e' il monumento piu' importante. E' di forma basilicale; ha pianta a croce latina; e' di stile gotico 'veneziano', cioe' poco sviluppato in altezza, a tre navate.

Pala di S. Lucia: puo' dirsi il capolavoro giovanile di Francesco da Milano. Esegui' questo dipinto circa verso il 1515.

Altare della Madonna: e' opera dello scultore pordenonese Luigi de Paoli (1847-1947). La statua dell'Immacolata, in marmo bianco di Carrara esprime intenso raccoglimento della Vergine Maria tutta compresa dei disegni che l'Altissimo le aveva rivelato.

Dipinti presbiterio: sono opera datata e firmata da Isacco Fischer il Vecchio, di Augsburg, che li esegui' nel 1674 come gli sportelli dell'organo, demoliti il secolo scorso.

Coro ligneo: stupendo lavoro intarsiato e scolpito. E' opera dei tardo 500, di probabile provenienza toscana.

Altare maggiore: e' stato eseguito a Udine nel 1911 su disegno dei prof. Giuseppe del Piccolo di Venezia, in forme neogotiche dal marmista Francesco Zugolo. Nella ricchezza dei marmi policromi e delle dorature in oro zecchino spiccano le figure dei SS. Pietro e Paolo, opera in mosaico del veneziano Eugenio de Marchi.

Pala di S. Giorgio: autore della pala e' Jacopo Negretti (1544-1628) detto 'Palma il Giovane'. La nostra pala rappresenta la Madonna con il Bambino in gloria e, in basso, S. Giorgio tra i Santi Carlo Borromeo e Chiara di Assisi.

Organo liturgico: e' opera di Domenico Malvestio e Figlio di Padova, inaugurato nel 1937. E' dotato di 1608 canne divise tra il Grand'Organo e l'Espressivo, 20 registri, ed e' a trasmissione pneumatica. Ha consolle a due manuali.

Il campanile: e' stato iniziato nel 1488, poggiando il lato est sul sito della muraglia di cinta demolito per intero decenni or sono. La costruzione fu interrotta verso il 1555. II campanile raggiunge l'altezza di m. 44. Snello e imponente, arieggia esternamente al romanico. La porta e il cornicione sono di stile rinascimentale.

Chiesa di S. Maria: l'attuale edificio e' del 1554. II portale e' datato: 1560. I restauri fatti dopo i terremoti del 1976 hanno messo in luce la splendida architettura manieristica.

Chiesa di S. Angelo: la Chiesa era anticamente parte di un beneficio ecclesiastico del quale era investito un membro della famiglia dei Conti di Porcia che rimaneva celibe ed entrava negli Ordini Sacri. L'edificio attuale e' del XVIII secolo.

Cerca con



ANNO PASTORALE
2018-2020
Visita Pastorale
www.pastoralepn.org

"Oggi devo fermarmi a casa tua" Lc 19,5

Lettera pastorale
del Vescovo Giuseppe



Cerca nella BIBBIA
Per citazione
es. Mt 28,1-20):
Per parola:











 Don Daniele Fort
 parroco@sangiorgio-porcia.it
HOME PAGE
1024X768
Enrico Rosset - Guido Fradeloni 
webmaster@sangiorgio-porcia.it